Calciopoli, ricorso di Giraudo alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

Secondo gli avvocati del manager l’Italia ha violato l’art. 6 della Convenzione. La difesa ebbe soltanto 7 giorni a disposizione per un fascicolo di oltre 7.000 pagine

TORINO – Sospensione a vita a cauda di ‘Calciopoli’. Antonio Giraudo ha presentato ricorso alla CEDU (Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali),chiamata a risolvere questioni giuridiche che riguardano l’essenza dello Stato di diritto. L’Italia, secondo i legali del manager, ha violato l’art. 6 della Convenzione (che garantisce l’accesso a un tribunale precostituito per legge e il diritto ad un giusto processo) per aver consentito alle federazioni sportive la creazione di giurisdizioni disciplinari non «precostituite per legge», che hanno lasciato al ricorrente e ai suoi avvocati soltanto 7 giorni per predisporre le difese. Un tempo ridotto, insufficiente anche solo per la lettura del fascicolo composto da oltre 7000 pagine.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *